Showing posts with tag: intervista

“Mondi diversi e il compito di evocarli” – Intervista all’illustratrice C. Benedetta Vialli

Benedetta Vialli - Illustratrice

Già sapete che non ci passa l’amore per le cose di carta e per taccuini illustrati da riempire di disegni e pensieri …. Questa estate il nostro spazio maceratese “Tandem” in Corso della Repubblica ospita una nuova serie sketchbook realizzati da una illustratrice in cui siamo felicemente inciampiati la scorsa primavera: Benedetta C. Vialli. Il suo lavoro ci ha colpito per l’originalità e ironia dei disegni, immediati e sottili, insieme.

Vogliamo saperne di più sul suo conto e i suoi lavori!

Ciao Benedetta! Iniziamo chiedendoti come ti sei avvicinata al mondo dell’illustrazione. Quando hai deciso di intraprendere questa strada?

Dopo troppi anni di pittura all’Accademia di Belle Arti, ho capito che la pittura non era cosa per me! Mi è sempre piaciuto usare l’ironia nel disegno, non dico che con la pittura non si possa fare…ma io non ci riuscivo! Amo l’arte ma mi ci sono sempre approcciata in maniera troppo seriosa, l’illustrazione e il fumetto mi hanno dato la possibilità di esprimermi meglio..anche nelle cose più serie!

Come trovi a Venezia dal punto di vista del fermento culturale per un’illustratrice freelance? E come ti è sembrata Macerata il giorno in cui ti sei imbattuta nel nostro negozio e hai deciso di entrare :)

Sono tanti anni che sto a Venezia e vi assicuro che oltre ad essere bella ci si può anche vivere. Mi rilassa la mancanza di traffico e la sua dimensione pedonale, poi certo quando ti imbottigli nelle calli con i turisti non è più molto rilassante, ma possiedo un anima tutto sommato zen, sopravvivo! In più è molto viva da un punto di vista culturale e lo è in campi diversi, questo la rende molto stimolante.
A Macerata mi ci ha portata in mio compagno che è originario delle Marche. Quel giorno mi ha colpita la vostra vetrina con tutte quelle illustrazioni e macchine fotografiche! Mi è sembrato il posto perfetto per una città zeppa di giovani talenti che invadono l’Accademia di Belle Arti e le classi di Ars in Fabula, allora ho deciso di entrare per dare una sbirciata…poi da cosa nasce cosa :)

Come nasce un tuo disegno? Una volta che ti viene un’idea quali sono gli step successivi che portano alla realizzazione del progetto?

Già quando mi è venuta l’idea sto disegnando. Faccio molti brainstorming di parole chiave e bozzetti. Quando ho individuato l’idea da realizzare mi metto al computer e mi faccio delle foto! Si, sembra assurdo ma grazie a dio vivo in un epoca in cui posso farmi un sacco di foto e usarmi come modella! Non saprei come altro fare… Sappiate che per ogni disegno c’è sempre una foto da qualche parte di me che faccio quella cosa lì. Inoltre consulto anche moltissimi libri d’arte, fotografia, anatomia e poi quando mi serve una “tuta da quarantena” o un “gatto che cammina”, per fortuna c’è google immagini!

 

Cosa definiresti in 3 aggettivi il tuo modo di lavorare?

Sincero, rapido, appassionato.

Nonostante si percepisca un timbro omogeneo nelle tue opere, abbiamo riscontrato delle differenze di stile e di genere, che possono spiazzare. È una nostra impressione o una tua precisa scelta?

Non so se è un bene o un male…ma non ho mai avuto uno stile preciso. Non mi sono mai imposta cose come: “da oggi il naso lo faccio così e le fronde degli alberi colà” o forse quando c’ho provato non sono riuscita a mantenere la regola! Disegnando molto, da sempre, il mio segno è in continua evoluzione e lo lascio molto fare, mi piace che mi sorprenda. In più mi pongo in maniera diversa ad ogni progetto. Sono convinta che occorra modificare la tecnica, l’atmosfera e la temperatura in base all’obbiettivo che ci si pone, quindi non tratterò mai alla stessa maniera un articolo sulle lotte femministe negli anni 60 e un racconto fantastico. Sono mondi diversi e io ho il compito di evocarli.

Guardando il tuo portfolio ci ha colpito il progetto Feminist Issue-Bossy. Il filo rosso che accomuna le opere presenti nella raccolta è l’immagine della donna e il gender conflict.  Qual è il messaggio che vuoi comunicare a chi guarda questi tuoi lavori?

Quella è una raccolta di lavori che ho fatto per varie testate online che trattano di questioni di genere e di femminismo. Sono molto legata a questi temi e faccio in modo che i miei disegni ne parlino sempre un po’. Sono convinta che chi fa comunicazione (in qualsiasi campo creativo) abbia una responsabilità enorme e al contempo una grande occasione per fare cultura. Ogni volta che mi metto a disegnare, al di là della commissione, penso sempre come caratterizzare le persone che rappresento, senza banalizzarle o peggio ancora stereotiparle! Il lavoro “This is what a feminist looks like” che ho fatto per Bossy ne è l’esempio lampante. Chi è femminista? Non solo donne, non solo bianche, non solo magre, non solo normodotate etc… Sono questioni fondamentali alle quali bisogna pensare quando ci si rivolge a un pubblico.

Quali sono secondo te i pregi e i difetti dell’affidarsi al digitale e quindi usare una tavoletta grafica piuttosto che disegnare a mano?

Il disegno in digitale mi ha rapita subito, lo trovo comodissimo! Posso cancellare all’infinito, spostare gli elementi nel campo, ingrandirli, rimpicciolirli, cambiare colore… troppo comodo! Non sono mai stata una grande pittrice quindi non sento la mancanza di certi effetti pittorici, che comunque si possono riprodurre o campionare come faccio io. Infatti continuo anche a disegnare sulla carta con le matite, l’inchiostro, le tempere e gli acquerelli. Il difetto più grande del digitale, quindi direi che è proprio questo: la mancanza del rapporto con la materia. Sono contenta di essermi approcciata al digitale solo dopo tanti anni di insozzamento di mani!

Come ti sei trovata nelle tue avventure editoriali, come quella realizzata con Vice ?

La commessa arriva il lunedì e la consegna è prevista per il giovedì, bisogna lavorare tanto e in fretta, è fondamentale comunicare con chiarezza perché si ha poco tempo. Lavorare con i giornali è “frenetico” ma io sono abituata a lavorare velocemente!

Veniamo alle illustrazioni che abbiamo scelto. per realizzare una serie di sketchbook. Raccontaci la storia dietro ognuna di esse :)

Wow ok! Allora..sono tutti progetti personali tranne “Mamma’s frangetta” che è stata pubblicata sul numero 38 di LAHAR magazine. Il tema del mese era “la mamma” e io me la sono sentita di farmi portavoce di tutte quelle povere persone che come me quando erano infanti hanno subito il taglio dei capelli casalingo…io me le ricordo quelle schiere di caschetti sbilenchi con le frange dalle più varie angolazioni e altezze… ecco l’ho fatto per voi!

Le altre illustrazioni sono tutte nate dalle situazioni ed esigenze più diverse.. per esempio “Game GRRRL” è nata per togliermi un sassolino che stava nella scarpa da un bel po’…con il pretesto di celebrare i vent’anni del Game Boy Color ho colto l’occasione di far sapere ai più che non ci giocavano solo i Boys ma anche parecchie GRRRLS che come me ci hanno perso gli occhi con quello schermo maledetto privo di retro illuminazione!

“Game Grrrl” – Benedetta Vialli @ Tandem

Poi c’è “Istruzioni per l’uso” che spiega in poche mosse come usare un libro correttamente. “Succulente” vede una schiera di piante grasse (appunto dette “succulente”) più un intruso…non volevo dire granché..ma ci tenevo a contribuire anche io a questa febbre dei cactus che pare aver afflitto un’intera generazione di illustratori! Poi c’è “Al settimo cielo” che è di base un disegno in libertà ispirato alla copertina di Vespertine di Bjork.

“Settimo Cielo” & “Istruzioni per l’uso” – Benedetta Vialli @ Tandem

Vuoi comprare  taccuini e poster con le illustrazioni di Benedetta C. Vialli?

Vienici a trovare nel nostro shop “Tandem” (Corso della Repubblica 23, Macerata)

o chiedi info e ordinali via mail: azarcomunicazione@gmail.com

“Chissà quante amicizie spezzate per un libro non restituito…” L’illustratrice artigiana Francesca Dimanuele racconta gli EX LIBRIS

Tra le cosette strambe che puoi trovare nel nostro spazio/spaccio maceratese Tandem ora ci sono perfino misteriosi timbri intagliati a mano. Si fanno chiamare ex libris e destano la fervida curiosità dei nostri avventori. Ma cosa sono esattamente gli ex libris? L’illustratrice Francesca Dimanuele, creatrice di questi preziosi oggetti ci racconta la loro antica storia.

Ciao Francesca!  Come ti è venuto in mente di creare gli ex librisL’idea degli ex libris è nata per gioco, l’agosto scorso. Sfogliavo un libro sulle xilografie di Duilio Cambellotti e scoprì l’esistenza degli ex libris. Feci ricerche su internet, e mi piacque più l’idea del timbro piuttosto di quella dell’etichetta stampata, ed è stata abbastanza immediata la realizzazione e la scelta anche del packaging, veramente è stato un gioco, solo che ridefinivo ogni dettaglio e ora sta dando i suoi frutti.

Come si sviluppa tecnicamente il processo di intaglio? La tecnica della linoleografia è abbastanza semplice: dopo aver disegnato il soggetto, lo trasporto al contrario sulla matrice, e inizio a incidere con delle sgorbie le parti che devono restare “bianche”, i vuoti incisi, e lasciare invece “salve” le parti che verranno inchiostrate, quindi i rilievi “neri”.
Il bello di questa tecnica che si impara molto in fretta a giocare con il negativo/positivo di un immagine e quindi si migliora la propria capacità di sintesi, il risultato sono delle immagini semplici ma non per questo meno di impatto.
Come diceva Bruno Munari “Complicare è facile, semplificare è difficile. Per complicare basta aggiungere, tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, decorazioni, personaggi, ambienti pieni di cose. Tutti sono capaci di complicare. Pochi sono capaci di semplificare. Per semplificare bisogna togliere, e per togliere bisogna sapere cosa togliere, come fa lo scultore quando a colpi di scalpello toglie dal masso di pietra tutto quel materiale che c’è in più della scultura che vuole fare. Teoricamente ogni masso di pietra può avere al suo interno una scultura bellissima, come si fa a sapere dove ci si deve fermare per togliere, senza rovinare la scultura?”.

La tua formazione antropologica ti è stata d’aiuto in un progetto di questo tipo? Che domanda difficile… forse l’antropologia mi ha aiutata nell’individuare un oggetto che non c’è in commercio, ma di cui la gente evidentemente necessita. Gli ex libris sono nati per l’esigenza di farsi restituire i libri prestati quando questi erano costosissimi e rari. Ora i libri sono abbastanza economici, però il rischio di non rivederlo più una volta prestato è sempre alto. Il libro è un oggetto che entra nel vissuto del lettore, si crea un legame, e il fatto che in seguito l’ex libris divenne semplicemente un modo per decorare e rendere unico il proprio libro lo dimostra. Nonostante questo legame con il proprietario è anche bello condividerlo, scambiarli, è un oggetto che entra nelle dinamiche di reciprocità (la teoria del dono di Marcel Mauss). Ma è anche un oggetto che “ha i suoi tempi”, penso sia abbastanza comune comprare un libro e leggerlo a distanza di molto tempo, come se dovesse “maturare” nella tua libreria prima di essere pronto a leggerlo. Ma quando questo succede con i libri prestati ci si dimentica anche chi ce l’ha prestato… chissà quante amicizie spezzate per un libro non restituito? Magari se ci fosse stato un timbro decorato, seppur in ritardo, lo avremmo riconsegnato.

Quando e come ti sei approcciata al lavoro di illustratrice? La passione per il disegno l’ho avuta fin da piccola, anche se ho scelto scuole e università che non hanno niente a che fare con l’illustrazione, ho sempre cercato di percorrere anche quella strada. Mentre andavo al Liceo Scientifico frequentavo anche i corsi brevi serali della Scuola d’Arte Applicata del Castello Sforzesco (povero mio padre che mi accompagnava e aspettava fuori tutto il tempo!), all’Università a Bologna frequentavo dei corsi privati da un professore e illustratore, Mauro Cutrona; e infine a Parigi ho frequentato diversi corsi e soprattutto all’Académie de la Grande Chaumière.
Il primo lavoro è stato un fumetto che riguardava una super eroina in sedie a rotelle, poi una breve collaborazione con “Rivista!Unaspecie”, un periodico online sulle arti indipendenti, che purtroppo si è fermato. Mi è piaciuto molto lavorare su un libro da colorare per bambini su Ragusa, mi piace soprattutto vedere poi le mie immagini colorate da diversi bambini, ogni volta ti stupiscono.

C’è un legame tra il tuo lavoro e Ragusa? C’è fermento culturale ed artistico nella città in cui vivi? No, non c’è un legame tra il mio lavoro e Ragusa. Per quanto riguarda il fermento culturale ed artistico in città, posso dire che negli ultimi anni sono nate due belle gallerie d’arte ( io personalmente collaboro con Sudestasi Contemporanea ) e vari festival molti interessanti come quello del libro (A tutto volume), della fotografia (Ragusa Photofestival), dei graffiti (Festiwall), del fotolibro (Gazebook)… però penso sia ancora un luogo pieno di potenziale inespresso, che deve solo riuscire a fare sinergia, e forse manca ancora una amministrazione che faciliti iniziative culturali come succede a Bologna, che secondo me dovrebbe essere d’esempio, almeno in questo ambito.

É stato difficile passare da una metropoli come Milano a una realtà più piccola? Sì e no. Sono nata a Milano ma ho vissuto in un paesino fra Milano e Pavia. Mi mancano alcune cose di Milano, soprattutto la libertà di muoversi, penso in particolare ai mezzi pubblici. È stata una scelta dovuta alle mie origini siciliane e al bisogno di un ambiente sociale più piccolo, dove forse la qualità della vita è migliore, e sicuramente alla natura che qui è appena a due passi fuori città.

NB: FRANCESCA DIMANUELE FA ANCHE  UN SACCO DI ALTRE COSE

“Dipende da come percepisci la confusione” – Intervista all’illustratrice Tom Jasper Tom

Da qualche tempo il nostro spazio “Tandem” ospita una serie di opere realizzate da Andreea Sofia aka Tom Jasper Tom, illustratrice formatasi all’Accademia di Belle Arti di Macerata. I suoi lavori destano l’attenzione dei nostri curiosi clienti, e così abbiamo pensato di intervistarla per scoprirne di più sul suo conto :)

b690e8b1-09d7-4565-862e-8d8c0cda6b08

Ciao Tom Jasper Tom! Non possiamo che iniziare la chiacchierata chiedendoti del tuo strambo nome d’arte.
La storia del mio nick nasce da Facebook. Dovevo aprire un link che mi interessava e per accedervi mi sono dovuta iscrivere. Non volevo usare il mio cognome e ho dovuto improvvisare… Il caso volle che a fianco al mio portatile c’era un Tom Tom Go. Il nome suonava bene ma dovevo cambiare qualcosa… Ci pensai un attimo e scelsi Tom Tom Tom. Smisi di usare Facebook per un po’ ma un giorno alcuni amici mi chiesero di postare le foto che feci per un workshop e da lì ho cominciato a usarlo. Come spesso accade in questi casi la gente finisce per chiamarti per strada col tuo nick “digitale” :) Ormai ero per tutti Tom! Volevo però cambiare qualcosina per rendere il tutto più particolare e più mio. Feci allora una piccola ricerca su Internet. Sapete come si chiamavano Tom e Jerry alle origini? Jasper e Jinx! Una volta scoperto, diventai Tom Jasper! Anche per i professori :).

DSC_0291 tiny

Veniamo alle tue opere. Ci paiono molto eterogenee e caratterizzate da uno stile surreale e sarcastico. I collage ad esempio.
Ho avuto un periodo di down in cui mi pesava dipingere. Mi sono messa a fare dei collage quasi per scherzo, e ho capito subito che “funzionavano” e che realizzandoli riuscivo ad esprimermi. Inizialmente ritraevo me stessa in contesti spaziali :). Riguardo al mio essere surreale… Nel penultimo lavoro presentato in mostra al Voronoi di Tolentino mi è stato chiesto di realizzare 16 quadretti che illustrassero il viaggio di Kerouac. Avendo i tempi stretti ho cominciato a lavorare concentrandomi su questo progetto. Ecco, uno dei significati di “surreale” è “lavorare staccando la testa”, secondo i principi di Freud. E la cosa si lega alla mia concezione di collage. Leggo molto e mi piace “fare copia incolla” anche dai libri, mettere “in collage” spunti che mi vengono dalle letture e dalle conversazioni con le persone. Si tratta di un tentativo di approdare ad un surreale sarcasmo sociale, esplorando le relazioni tra artista e pubblico e intrecciando tematiche. I miei lavori possiedono un doppio significato che costringe lo spettatore a rinegoziare la propria percezione delle cose, scoprendo continuamente aspetti inediti e inattesi.

DSC_0297 tiny

loc4loc1

 

Sei poliedrica e sperimenti vari modalità di espressione artistica. Pensi che questa sia una tua cifra stilistica o nel corso degli anni finirai per specializzarti in una forma d’arte?
Non penso di specializzarmi in qualcosa, mi annoierei, quando ho più cose da fare sento che l’una aiuta l’altra. É una mia impronta essere casinista, surreale. Ogni tanto mi metto pure a fare le sculture. Se vario tiro fuori cose nuove. Guardo molto, sono curiosa, e mi piace intrecciare tecniche e materiali.

12746112_10207350432390419_1470749963_n12736452_10207350432910432_1289838422_n

Cuci anche a mano! Le tua cartoline sono tra le creazioni che ricevono più complimenti nel nostro negozio.
L’idea è nata molti anni fa quando mi commissionarono un lavoro che aveva come tema le cicogne. Ho cominciato a bucare la carta e da lì ho pensato di cucirla. Dopo anni ho ripreso questa cosa che trovo diversa, creativa, capace di lanciarmi in un’altra dimensione. Quando ho lo stencil sotto, cucio, penso, mi rilasso, sto bene.

12722160_10207350447910807_430297590_n12596364_10207350435310492_269009856_n

Realizzi inoltre illustrazioni per bambini e hai a che fare spesso con loro… Raccontaci di questo aspetto del tuo lavoro.
Mi piace osservare i bimbi, studiarli, fare le cose per loro, mi aprono la mente perché mi fanno sentire di nuovo bambina, è un dare e ricevere, insieme. Ho realizzato due progetti-libri per bambini con due cari amici scrittori: Jason Forbos e Serena Scolaro.

copertina

Ti salutiamo chiedendoti di Macerata. Cosa rappresenta per te. Ti ci vedi ancora nel futuro?
Perché no! Potrei rimanerci. Macerata è stata un’opportunità, è stato il luogo che mi ha fatto crescere da ogni punto di vista, umano, culturale, sociale. Sopratutto grazie all‘Accademia. Mi sentivo a casa, mi svegliamo la mattina e avevo voglia di andare in Accademia. Mi ha rimesso in carreggiata e ha dato un senso alla mia vita. Grazie all’arte trovo spunti, “fini”, obiettivi. Mi ha dato la spinta di fare qualcosa “per”. Ho trovato la mia strada artistica, che mi porta a raccontare per immagini, affidandomi al mio inconscio. La cosa cruciale è che tutto dipende da come percepisci la confusione.

10250701_10207350435870506_827191374_n

Ora sbirciala su Behance! E pure su Instragram :)